Convento francescano

questa immagine rappresenta tutta la planimetria del santo sepolcro con le linee di contorno delle varie sezioni
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro

    testo

    questa immagine rappresenta tutta la planimetria del santo sepolcro con le linee di contorno delle varie sezioni
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro


    Negli edifici posti a nord della Rotonda si trova il convento francescano che ospita i frati addetti all’ufficiatura del Sepolcro. Gli edifici costituivano il Patriarchio costantiniano, sede del Vescovo della chiesa madre.

    Nell’antico progetto costantiniano una serie di vani su più piani si affacciavano su un cortile, un quadrilatero aperto attorno all’Anastasis, che serviva per dare luce alle finestre delle absidi della Rotonda.
    Del possente edificio del Patriatrchio oggi si conservano le murature del piano terra e di uno rialzato per quasi 11 metri di altezza. Indagini archeologiche sono state eseguite in tutta l’area del convento da p.Corbo.

    Modesto, nell’XI secolo fece costruire la Cappella di S.Maria: dal convento si può vedere ancora intatta la porta a tre fori dell’ingresso esterno della cappella, realizzata con colonne romane e capitelli bizantini di riuso. Una scala oggi impraticabile, inoltre, serviva al Vescovo di Gerusalemme per entrare nella basilica direttamente dalla via del Suk cristiano attraverso la crociata Porta di Maria.

    Per i pellegrini cattolici attraverso il convento si raggiunge la sala dei Crociati dove è possibile celebrare la Santa Messa.

    Convento francescano